Roma Universalis. L’impero e la dinastia venuta dall’Africa.

con Nessun commento

Roma Universalis

Dal 15 Novembre 2018 al 25 Agosto 2019 la mostra si snoda tra il Colosseo, il Foro Romano e il Palatino.

Promossa dal Parco archeologico del Colosseo, ideata da Clementina Panella che ne è anche la curatrice insieme a Alessandro D’Alessio e Rossella Rea, è la prima mostra dedicata alla dinastia dei Severi. I Severi Provenivano dall’Africa e regnarono dal 193 al 235 dopo Cristo. Sono considerati l’ultima grande dinastia di imperatori romani capaci di dare un importante contributo all’evoluzione artistica e architettonica di Roma e dell’impero, lasciando una grande eredità nei vari ambiti dell’antica società romana. A loro si deve, per esempio, il riconoscimento della cittadinanza romana a tutti i cittadini liberi residenti nell’impero, una sorta di “ius soli” dell’antichità.

La Mostra

L’obiettivo è quello di far conoscere l’ultimo periodo in cui Roma espresse la sua maestosità come capitale dell’impero seppur il declino manifestava il suo avanzare. Nel suo percorso a tappe si presentano luoghi mai resi accessibili prima al pubblico e opere d’arte frutto di nuove scoperte che descrivono l’eccezionalità dell’esposizione e l’unicità di una città che non smette mai di sorprendere. Un viaggio ricchissimo e coinvolgente che partendo dal Colosseo e passando per il Foro Romano arriva fino al Palatino, svelando e riscoprendo il carattere cosmopolita e riformatore dei Severi a partire dalle sue origini. Un museo a cielo aperto che si realizza in tutta la sua magnificenza e in cui il visitatore si immerge piacevolmente.

I Luoghi della Mostra

Il Colosseo, l’antico Anfiteatro Flavio, restaurato dagli stessi Severi dopo che un incendio lo distrusse nel 217 d.C., presenta nella galleria del II ordine una ricchissima e numerosa raccolta di reperti archeologici, se ne contano circa cento, provenienti dai vari musei italiani e stranieri. Tra questi da segnalare una serie di ritratti raffiguranti i componenti della dinastia, tre rilievi da poco scoperti negli scavi della metropolitana di Napoli e gli straordinari reperti della Forma Urbis, l’antica mappa catastale in marmo realizzata sotto Settimio Severo, che rappresenta lo strumento fondamentale per la conoscenza dell’antica topografia romana di cui se ne può ammirare un’interessante ricostruzione virtuale.

Procedendo per il Foro Romano si può ammirare un tratto del Clivus ad Carinas, aperto per la prima volta alla visita. Il tratto è tra i più antichi percorsi di Roma e collegava il quartiere “delle Carine” con il colle Esquilino. Da qui, attraverso la Galleria del ladrone, si arriva ad un affaccio emozionante sul Templum Pacis, una vera e propria meraviglia dell’antichità essendo una sorta di museo pubblico che raccoglieva le opere d’arte del mondo antico giunte a Roma anche come bottino di guerra. Restaurato anch’esso da Settimio Severo dopo un incendio nel 192 d.C., è sede di un lungo restauro che ha portato alla luce i resti di una magnifica pavimentazione formata da marmi policromi e basi di colonne di granito rosa che componevano l’aula di culto.

In fine il Palatino, dove sarà possibile ammirare le Terme di Elagabalo, anch’esse per la prima volta rese fruibili ai visitatori e da cui nasce l’idea della mostra. Si tratta, infatti, di una eccezionale struttura architettonica oggetto di uno scavo realizzato tra il 2013 e il 2014 che ha portato alla luce dei reperti di notevole importanza risalenti al tempo dei Severi raccolti nel Tempio di Romolo. Il tragitto che si snoda nell’intera area rivela i luoghi in cui la dinastia ha prolificato, come, per esempio, la residenza pubblica degli imperatoti, la famosa Domus severiana. Per l’occasione sarà riaperta la Sala dei Capitelli dove sono raccolti frammenti scultorei e architettonici con l’intento di ricreare l’atmosfera suggestiva del tempo.

Più che una mostra un vero e proprio avvenimento che vuole lasciare tracce concrete. Le aree archeologiche, mai aperte prima al pubblico, raccontano di un evento prezioso, e, se mai ce ne fosse bisogno, confermano le continue sorprese che solo l’unicità di Roma sa regalare.

 

Info Orari e Costi

Roma Universalis. L’ impero e la dinastia venuta dall’Africa

Dal 15 Novembre 2018 al 25 Agosto 2019

Colosseo Piazza del Colosseo, 1

Foro Romano Via della Salara Vecchia, 5/6

Palatino Via di San Gregorio, 30

Orario: h 8.30 – h 16.30 fino al 15 Febbraio 2019, h 8.30 – h 17.00 dal 16 Febbraio al 15 Marzo 2019

h 8.30 – h 17.30 dal 16 Marzo al 30 Marzo 2019, h 8.30 – h 19.15 dal 31 Marzo al 31 Agosto

Biglietti: Intero € 12, Ridotto € 7,50

Biglietto on line diritto prevendita € 2, Riduzioni e gratuità secondo le normative vigenti

Lo stesso biglietto consente l’accesso al Colosseo, al Foro romano e al Palatino

Tel: +39 06 69984443, E-mail: pa-colosseo.ufficiostampa@beniculturali.it